Possiamo davvero renderci conto del livello raggiunto della filmografia dell'Europa dell'Est, che non ha paura di essere etica, di porre dubbi e interrogativi, di raccontare le contraddizioni del presente attraverso il passato e viceversa.

Emanuela Di Matteo, silenzioinsala.com
/ / Rassegna Stampa